Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
pec@fondazionebon.com

Biglietteria 2016/2017

Rinnovo abbonamenti: dal 12 al 21 ottobre ’16
Sottoscrizione nuovi abbonamenti: dal 24 ottobre ’16 fino al primo appuntamento di musica o prosa in cartellone

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

MUSICA
8.11.16, The Missing Link – Giovanni Sollima
1.2.17, Grigory Sokolov
5.5.17, Mario Brunello e Coro Fvg

Interi: € 25 – Ridotti: € 22 – Under18: € 10
18.11.16, Historie du Soldat
12.2.17, Omaggio a Yehued Menuhin
19.3.17, Pentaèdre
8.4.17, Binyamin String Quartet
27.4.17, Trio Bamberg

Interi: € 20 – Ridotti: € 17 – Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

PROSA
26.11.16, Un Prete Ruvido 
15.1.17, Tre Alberghi
27.1.17, Non c’è acqua più fresca
14.2.17, Come cavalli che dormono in piedi
25.3.17, Mio eroe

Interi: € 18  –  Ridotti: € 15  –  Under18: € 10
11.3.17, Fuga da Pigafetta
Interi: € 20  –  Ridotti: € 17  –  Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri / Talenti al Bon
Biglietto unico intero o ridotto € 5

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

NEWS

Sabato e domenica l’operina di Piumini al Bon

Dopo i festeggiamenti per i 120 anni di attività, la Fondazione non si crogiola di certo sugli allori e a conclusione dell’inte

Medaglia del Presidente per i 120 anni della Fondazione Luigi Bon

Proprio mentre fervono i preparativi per il festeggiamento dei 120 anni di attività della Fondazione Luigi Bon di Colugna in prog

Binyamin String quartet al Bon

Non poteva mancare nella programmazione della stagione musica del Teatro Bon la formazione del quartetto d’archi, così, sabato

C’E’LL’ORCHESTRA AL BON il fine settimana

Nuova iniziativa della Fondazione Bon che grazie alla collaborazione con due ottimi docenti di violoncello realizza un’orchestra

C’èll’Orchestra

Fine settimana orchestrale dedicato ai violoncellisti di tutti i livelli Venerdì 7 aprile — Domenica 9 aprile 2017 c/o Fondazio

Selezione per giovani pianisti accompagnatori

La Fondazione Luigi Bon indice una selezione per giovani pianisti accompagnatori interessati a sviluppare la loro attività profes

L’Accademia Arrigoni e Sitkovetsky domenica al Bon

Il concerto, previsto per domenica 12 febbraio alle ore 20.45, dell’Accademia d’Archi Arrigoni è un’ulteriore tassello

Sokolov inaugura il ricco febbraio del Bon

Evento eccezionale per il cartellone della stagione musicale del Teatro Luigi Bon, il 1° febbraio, con il concerto del pianista d

Gli Alti & Bassi – quintetto vocale a cappella

Continua a ritmo serrato l’attività del Teatro Bon di Colugna, dopo i recenti successi di pubblico ottenuti dai primi due appun

Domenica TALENTI AL BON con l’Ottetto a Fiati diretto da Claudio Mansutti

Ultimo appuntamento della rassegna TALENTI AL BON sostenuta da: Regione FVG, Ministero per i Beni Culturali, Comune di Tavagnacco,

Sokolov inaugura il ricco febbraio del Bon

Evento eccezionale per il cartellone della stagione musicale del Teatro Luigi Bon, il 1° febbraio, con il concerto del pianista di fama mondiale Grigory Sokolov. Quest’artista, che sceglie il Teatro colugnese ormai da diversi anni condividendone gli scopi, eseguirà musiche di W. A. Mozart e L. Van Beethoven. Ovviamente tutti i posti sono esauriti da mesi e la lista d’attesa è lunga. Ma per chi volesse frequentare la ricca programmazione della Fondazione Bon sostenuta nello sforzo di diffusione culturale dalla Regione FVG, dal Ministero per i Beni Culturali, dal Comune di Tavagnacco oltre che da sostenitori privati come ad esempio la Fondazione Crup, la Banca

Popolare di Cividale, la ditta Nonino impianti, Moroso, Feruglio Engineering, il Gruppo Ferri, sarà possibile accedere ad altri 4 spettacoli veramente interessanti.

Il 12 febbraio si esibirà l’Orchestra dell’Accademia d’archi Arrigoni guidata dalla bacchetta di Giancarlo Guarino e solista sarà uno dei talenti emergenti del panorama internazionale ovvero il violinista Alexander Sitkovetsky, che renderà omaggio al suo docente e mentore il grande Yehued Menuhin. Il solista russo si è esibito più volte in pubblico con il maestro americano, e ne è stato uno degli allievi più talentuosi. Potremo ascoltare il concerto per violino del compositore polacco A. Panufnik, il celebre Trillo del Diavolo di G. Tartini e il Divertimento per archi di B. Bartok.

La stagione di prosa prevede, il 14 febbraio, lo spettacolo “Come cavalli che dormono in piedi” Demoghèla – Storie dal fronte nord orientale, di e con Paolo Rumiz. “Demoghèla”, parola tradotta in modo insultante dopo il ’18 per denigrare gli italiani di frontiera cui toccò in sorte di combattere contro il Tricolore, fu in realtà il modo scanzonato con cui i soldati del litorale austro-ungarico seppero prendere la guerra su un fronte sterminato e crudele, in Galizia, battendosi spesso da valorosi contro il più grande esercito del mondo, quello russo» spiega Paolo Rumiz, autore e ideatore di questa serata che intreccia storia, teatro, narrazione. Sul palcoscenico, ad accompagnare l’autore triestino, ci saranno l’attore Adriano Giraldi e il chitarrista Stefano Schiraldi.

Il 25 febbraio, il poliedrico attore udinese Giuseppe Battiston, porterà in scena “Non c’è acqua più fresca”, volti, visioni e parole dal Friuli di Pier Paolo Pasolini. Scritto dallo stesso Battiston lo spettacolo vedrà la partecipazione del cantautore udinese Piero Sidoti mentre la regia è affidata a Alfonso Santagata. Le sue prime poesie, raccolte ne La meglio gioventù, Pier Paolo Pasolini le scrisse in friulano, nella lingua quasi nuova e sconosciuta, musicalissima, della terra materna. Giuseppe Battiston si immagina protagonista di uno “spetaculut” di memoria pasoliniana che ci porta alla “terra di temporali e primule” e risuona di poesia su incontri, affetti, paesaggi, amori ancora freschi come l’acqua di una fontana.