Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
info@pec.fondazionebon.com

Biglietteria 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 11 al 23 ottobre RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 26 ottobre al 6 novembre SOTTOSCRIZIONE NUOVI ABBONAMENTI

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

Dal 7 novembre
PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI
Dal 4 dicembre PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI solo per il concerto di Grigory Sokolov

MUSICA
Concerti del 13 novembre, 14 dicembre e 25 aprile intero € 25 – ridotto € 22 – under18 € 10

Concerti del 24 novembre, 21 gennaio, 19 febbraio, 9 marzo e 9 maggio intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

 

PROSA
Spettacolo del 20 dicembre intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

Spettacoli del 18 novembre, 10 dicembre, 18 gennaio, 24 febbraio e 20 marzo intero € 18 –ridotto € 15 – under18 € 10

 

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri
Biglietto unico intero o ridotto € 5

 

GRIGORY SOKOLOV pianoforte
8 febbraio ’18
CONCERTO FUORI ABBONAMENTO
Intero € 30, Ridotto € 25, Under 18 € 10
Prenotazioni e acquisto biglietti dal 4 dicembre

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Musica

lunedì 19 febbraio, ore 20:45 / Teatro Luigi Bon

Claude de France
... nel centenario della scomparsa di Claude Debussy

Nuit d’étoiles (1880) (testo: Théodore de Banville)
L’âme évaporée (1891) (testo: Paul Bourget)
Chansons de Bilitis (1897) (testo: Pierre Louïs)
Fêtes Galantes I (1882) e Ariettes oubliées (1903) (testo: Paul Verlaine)
Trois poèmes de Stéphane Mallarmé (1913) (testo: Stéphane Mallarmé)

Debussy era poco più che un ragazzo, studiava al Conservatorio di Parigi senza troppo successo ma, quasi in segreto, scriveva delle liriche di rara bellezza destinate ad una dama della buona borghesia parigina fornita di una bellissima voce di soprano leggero e di uno charme un po’ civettuolo che riuscì a incatenare il cuore e i sensi di quel musicista in erba. Tra queste liriche, che paiono spesso frementi dichiarazioni d’amore, si trovano i primi capolavori di Debussy. Vi si riconosce qualcosa di inconfondibilmente fluido ed elegante che irradia già un poco di quello splendore che avvolgerà parecchi anni dopo i capolavori di “Claude de France”. Queste liriche costituiscono una specie di diario intimo e profondo che vale la pena di narrare, rievocare ed ascoltare, poiché sorpresa e meraviglia ci attendono ad ogni battuta.

Enzo Restagno, critico e storico della musica, è stato per trent’anni il direttore artistico di Torino Settembre Musica e Mito. È autore di numerosi saggi su compositori de novecento, tra cui Nono, Berio, Reich, Ligeti e Henze. Per “Il saggiatore” ha scritto Ravel e l’anima delle cose (2009), Schonberg e Stravinsky ( 2014), e curato, fra gli altri, Arvo Pärt allo specchio (2006).
Lorna Windsor si è formata alla Guildhall School of Music & Drama di Londra studiando canto, viola e pianoforte. Si è poi perfezionata con Elisabeth Schwarzkopf, Gérard Souzay e Hans Hotter. In virtù di un approccio aperto e di un’ampia prospettiva stilistico-musicale, la sua carriera segue sin dall’inizio strade parallele: dall’opera lirica al teatro di prosa, passando per il recital e la musica da camera, il repertorio barocco e quello contemporaneo. È regolarmente ospite dei più importanti teatri guidata dai più famosi direttori.
Antonio Ballista è pianista, clavicembalista e direttore d’orchestra. Dall’inizio della carriera non ha posto restrizioni alla propria curiosità, dedicandosi all’approfondimento delle espressioni musicali più diverse. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Bertini, Boulez, Brüggen, Chailly, Maderna e Muti e con orchestre ed ensembles quali: i Wiener Philharmoniker, i solisti dei Berliner Philharmoniker, la Filarmonica d’Israele, l’Orchestra del Concertgebouw, dell’Orchestra del Teatro alla Scala, la London Symphony, l’Orchestre de Paris, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e Orchestre BBC.