Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
pec@fondazionebon.com

Biglietteria 2016/2017

Rinnovo abbonamenti: dal 12 al 21 ottobre ’16
Sottoscrizione nuovi abbonamenti: dal 24 ottobre ’16 fino al primo appuntamento di musica o prosa in cartellone

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

MUSICA
8.11.16, The Missing Link – Giovanni Sollima
1.2.17, Grigory Sokolov
5.5.17, Mario Brunello e Coro Fvg

Interi: € 25 – Ridotti: € 22 – Under18: € 10
18.11.16, Historie du Soldat
12.2.17, Omaggio a Yehued Menuhin
19.3.17, Pentaèdre
8.4.17, Binyamin String Quartet
27.4.17, Trio Bamberg

Interi: € 20 – Ridotti: € 17 – Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

PROSA
26.11.16, Un Prete Ruvido 
15.1.17, Tre Alberghi
27.1.17, Non c’è acqua più fresca
14.2.17, Come cavalli che dormono in piedi
25.3.17, Mio eroe

Interi: € 18  –  Ridotti: € 15  –  Under18: € 10
11.3.17, Fuga da Pigafetta
Interi: € 20  –  Ridotti: € 17  –  Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri / Talenti al Bon
Biglietto unico intero o ridotto € 5

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Prosa

domenica 22 dicembre, ore 8:45 pm / Teatro Luigi Bon

LA VITA NON È UN FILM DI DORIS DAY

di Mino Bellei
Regia e interpreti Claudio DeMaglio, Claudio Mezzelani e Massimo Somaglino
Costumi Giulia Giavedoni
Trucco Anna Pia Bernardis
Realizzazioni sceniche Stefano Tonizzo
Produzione Vettori Ultramondo

Remake di un memorabile spettacolo anni ’90, in cui tre attori friulani, beniamini del pubblico regionale, si rivestono per la seconda volta dei panni en travesti  di tre adorabili vecchiette, messe al bando dagli altri ma ancora piene di vitalità e capacità di illusione. Sono Angiolina (Claudio Mezzelani), che di cervello ne ha sempre avuto poco e vive ancora nella sua bolla di niente; Amalia (Claudio de Maglio), già attrice di successo e di fascino, ma ormai sull’orlo della nevrosi e del tracollo economico; infine Augusta (Massimo Somaglino), dispotica, saccente, intransigente con gli altri e con se stessa, ricca sfondata e brutta da far paura, ma  intelligente e di proverbiale tracotanza negli scontri con le amiche.

Le “ragazze” hanno fatto insieme l’asilo, le elementari, le medie, le superiori e l’università. Vedove, madri di figli che non le vogliono vedere e che non telefonano, invise (o abbandonate) da parenti e conoscenti, le amiche si vedono sì e no due volte l’anno, ma da dodici passano Natale e Santo Stefano nella casetta di campagna di Amalia. Ed ecco che nell’ultimo Natale si osano dire cose che per decenni non sono state dette… 
Tra comicità leggera e un filo di malinconia, è un piccolo affresco agrodolce che affronta anche la solitudine della vecchiaia, dimenticata nel gran circo distratto del mondo contemporaneo.