Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
pec@fondazionebon.com

Biglietteria 2016/2017

Rinnovo abbonamenti: dal 12 al 21 ottobre ’16
Sottoscrizione nuovi abbonamenti: dal 24 ottobre ’16 fino al primo appuntamento di musica o prosa in cartellone

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

MUSICA
8.11.16, The Missing Link – Giovanni Sollima
1.2.17, Grigory Sokolov
5.5.17, Mario Brunello e Coro Fvg

Interi: € 25 – Ridotti: € 22 – Under18: € 10
18.11.16, Historie du Soldat
12.2.17, Omaggio a Yehued Menuhin
19.3.17, Pentaèdre
8.4.17, Binyamin String Quartet
27.4.17, Trio Bamberg

Interi: € 20 – Ridotti: € 17 – Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

PROSA
26.11.16, Un Prete Ruvido 
15.1.17, Tre Alberghi
27.1.17, Non c’è acqua più fresca
14.2.17, Come cavalli che dormono in piedi
25.3.17, Mio eroe

Interi: € 18  –  Ridotti: € 15  –  Under18: € 10
11.3.17, Fuga da Pigafetta
Interi: € 20  –  Ridotti: € 17  –  Under18: € 10

Prenotazioni e acquisto biglietti: dal 2 novembre ’16

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri / Talenti al Bon
Biglietto unico intero o ridotto € 5

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Prosa

sabato 21 febbraio, ore 1424292300 / Teatro Luigi Bon

L’altra metà del cielo
Parole e musica di donne tra Ottocento e Novecento

presenta Umbria Ensemble 

Paola Gassman voce recitante
Maria Cecilia Berioli violoncello
Leonora Baldelli pianoforte

Il melodramma, ma non solo: l’intera storia dell’arte riconosce nelle donne la principale fonte della propria ispirazione l’oggetto privilegiato del proprio interesse. Più raramente – e per una serie di motivazioni di cui tutti siamo ormai a conoscenza – le donne sono state più direttamente il soggetto della creazione artistica. Così il programma di questo spettacolo vuole dar voce alle voci di quelle rare donne che nell’arco di quasi due secoli hanno avuto la volontà, il coraggio e la generosità di consegnare il proprio mondo interiore alla musica, alla poesia, all’arte; di lasciare un messaggio in una bottiglia dedicato a un destinatario forse ideale, di là da un oceano spazio-temporale ancora oggi spesso sordo e ingiustamente restrittivo. Rebecca Clarke (Harrow, England, 1886 – New York City 1979), oltre ad essere una delle migliori violiste dei primi del ‘900 fu anche prolifica compositrice, con oltre 90 composizioni che ora vengono considerati capolavori suonati e incisi in tutto il mondo. Prima donna sul podio delle principali Orchestre sinfoniche americane; didatta di più d’una generazione di grandi compositori americani come A. Copland, Ph. Glass, solo per citarne alcuni; compositrice lei stessa di notevole spessore, nei suoi 93 anni vissuti infaticabilmente con e per la musica, Nadia Boulanger (1887-1979) ha disegnato un ideale ponte spazio-temporale tra Ottocento e Novecento. L’opera di Ada Negri (1870-1945), sia in prosa che in versi, è invece più diffusamente nota. Voce appassionata in un universo meno esclusivamente maschile rispetto a quello musicale, la Negri per l’intima e profondamente autentica espressività dei suoi toni, sembra riannodarsi in un ideale “unicum” emotivo a quelle rare quanto significative presenze femminili che fin dall’antichità hanno segnato in modo particolare e decisivo la storia della poesia e dell’arte tutta. Cresciuta nel clima letterario esasperato e traboccante della scapigliatura lombarda, la Negri si distinse subito per una poesia più intimamente sentita eppure non meno appassionata e travolgente.

Musiche di: Rebecca Clarke I’ll bid, my heart be still; Anonimo, Aria Fiamminga; A. Ginastera, Danza de la moza dolosa; Nadia Boulanger, Trois pièces pour V.celle et Piano N°1 en mib min.; Astor Piazzolla, Le Grand Tango; C. Pedini, Menù per signora (2004), Adagietto, Suite n°1 da Il pranzo (dedicato a Nadia Boulanger); F.P. Tosti, Te solo, Strana; O. Respighi, Nebbie; G. Fauré, Après un rêve, Elegìe op .24.

Testi di: R. de Pestre, Come piangerebbero gli angeli; Carmen Yanez, Donna abitata di memoria; Ch. Baudelaire, I benefici della luna; N. Zinbowskaja, Amore a prima vista; A. Piazzolla, Maria de Buenos Aires; P. Jahier, Il canto della sposa;D. Alighieri: Francesca da Rimini (dal V°Canto dell’ Inferno); J.da Todi, Pianto della Madonna; Versi di Ada Negri; Alda Merini, Vuoto d’amore; Madre Teresa di Calcutta, Vivi la vita!