Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
pec@fondazionebon.com

Biglietteria 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 11 al 23 ottobre RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 26 ottobre al 6 novembre SOTTOSCRIZIONE NUOVI ABBONAMENTI

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

Dal 7 novembre
PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI
Dal 4 dicembre PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI solo per il concerto di Grigory Sokolov

MUSICA
Concerti del 13 novembre, 14 dicembre e 25 aprile intero € 25 – ridotto € 22 – under18 € 10

Concerti del 24 novembre, 21 gennaio, 19 febbraio, 9 marzo e 9 maggio intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

 

PROSA
Spettacolo del 20 dicembre intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

Spettacoli del 18 novembre, 10 dicembre, 18 gennaio, 24 febbraio e 20 marzo intero € 18 –ridotto € 15 – under18 € 10

 

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri
Biglietto unico intero o ridotto € 5

 

GRIGORY SOKOLOV pianoforte
8 febbraio ’18
CONCERTO FUORI ABBONAMENTO
Intero € 30, Ridotto € 25, Under 18 € 10
Prenotazioni e acquisto biglietti dal 4 dicembre

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Musica

venerdì 01 aprile, ore 20:45 / Teatro Luigi Bon

The string theory

“E Dio cantò”

Secondo il musicologo Marius Schneider le culture antiche ad ogni latitudine condividevano un’ idea cosmologica fondamentale: ciò che costituisce il mondo si è andato formando a partire da suoni. Da qualche decennio una delle teorie della fisica più discusse e affascinanti farebbe risalire l’origine della materia a dei “sistemi vibranti”: le strings. Che le cose stiano così o meno non è evidentemente, nostra facoltà stabilirlo, ma condividiamo con Schneider e non solo con lui l’idea che la musica sia l’arte più incandescente perché è chiamata ogni volta nella sua attuazione, a riprodurre nientemeno che il gesto della Creazione.
Il progetto intitolato THE STRING THEORY riguarda un programma che rappresenta la summa delle capacità e del linguaggio espressivo maturati dall’ensemble, a partire dalle composizioni di Marcello Fera, ma non solo: altre musiche del nostro tempo e di radice popolare.
Militano all’interno dell’ensemble giovani musicisti che con l’esperienza di Conductus sono cresciuti artisticamente e che sono oggi in grado di ricoprire con sicurezza anche ruoli solistici.
In THE STRING THEORY questi giovani interpreti hanno modo di profilarsi e dar conto della loro maestria alternandosi in ruoli diversi.
La scelta del titolo è dovuta a un gioco di parole tra string, in inglese corda ma anche strumento ad’arco, e la nota teoria fisica delle stringhe (the string theory) che a qualcosa di vibrante, alle “strings” appunto, fa risalire l’origine del tutto.

L’Ensemble Conductus è una realtà altoatesina che coltiva uno stile assolutamente autonomo e originale rivolto all’eccellenza in campo musicale nel settore degli strumenti ad arco. In oltre dieci anni ha costruito un profilo artistico inconfondibile che lo ha portato più volte alla ribalta nazionale ed internazionale attraverso concerti, trasmissioni radiofoniche e televisive, collaborazioni di prestigio. L’ Ensemble Conductus è una formazione composta da un nucleo stabile di 12 archi che può essere variato in base ai programmi e ai progetti assumendo dimensioni e organici diversi. L’Ensemble esordisce nel 1999. Oltre a Marcello Fera che ne è il direttore artistico e musicale, l’Ensemble Conductus ha lavorato con i direttori Michael Kapsner, Tonu Kaliuste, Michael Radulescu e con formazioni e solisti di fama internazionale quali Stephan Picard, Gemma Bertagnolli, Claudia Schneider, Maria Pia de Vito, Estonian Philarmonic Choir, Giacomo Agazzini, A Filetta, Gabriele Mirabassi. Numerose le prime esecuzioni cui Conductus ha dato vita in questi anni facendosi talvolta anche committente di nuovi lavori.