Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
info@pec.fondazionebon.com

Biglietteria 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 11 al 23 ottobre RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 26 ottobre al 6 novembre SOTTOSCRIZIONE NUOVI ABBONAMENTI

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

Dal 7 novembre
PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI
Dal 4 dicembre PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI solo per il concerto di Grigory Sokolov

MUSICA
Concerti del 13 novembre, 14 dicembre e 25 aprile intero € 25 – ridotto € 22 – under18 € 10

Concerti del 24 novembre, 21 gennaio, 19 febbraio, 9 marzo e 9 maggio intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

 

PROSA
Spettacolo del 20 dicembre intero € 20 – ridotto € 17 – under18 € 10

Spettacoli del 18 novembre, 10 dicembre, 18 gennaio, 24 febbraio e 20 marzo intero € 18 –ridotto € 15 – under18 € 10

 

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri
Biglietto unico intero o ridotto € 5

 

GRIGORY SOKOLOV pianoforte
8 febbraio ’18
CONCERTO FUORI ABBONAMENTO
Intero € 30, Ridotto € 25, Under 18 € 10
Prenotazioni e acquisto biglietti dal 4 dicembre

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
intero € 150 – ridotto € 128

Abbonamenti Prosa
intero € 90 – ridotto € 75

Abbonamento musica + prosa 
intero € 215 – ridotto € 180

Riduzione per residenti Comune di Tavagnacco e Comune di Pagnacco, studenti universitari, circoli e associazioni convenzionate.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

NEWS

Sabato e domenica al Bon gran finale per orchestra e coro

Si conclude un anno scolastico pieno di successi per la Fondazione Luigi Bon. Sono infatti oltre 20 i saggi musicali e teatrali ch

L’Orchestra Giovanile Alpina chiude la Stagione del Bon

Si conclude mercoledì 9 maggio alle ore 20.45 presso la Chiesa di San Francesco a Udine la stagione musicale della Fondazione Lui

Al Teatro Bon il Quintetto d’archi dei Berliner Philharmonicher con Claudio Mansutti

Prosegue, all’insegna degli ospiti di assoluto livello internazionale, la stagione musicale della Fondazione Luigi Bon. Il penul

Missus — L’ultima Battaglia

PER RICORDARE LA “FIESTE DE PATRIE DAL FRIÛL” 2018 PAR MEMOREÂ LA FIESTE DE PATRIE DAL FRIÛL 2018 Un invito a tutta

L’Osian Duo, domenica a Castellerio di Pagnacco

Proseguono, i concerti organizzati dalla Fondazione Bon, in collaborazione con il Comune di Pagnacco e con il sostegno della Regio

UTOYA Unica data in Friuli chiude la stagione di prosa del Bon

Colugna – Utoya è un’isola norvegese. A Utoya nel 2011 durante un campus organizzato dalla sezione giovanile del Part

Lo Stabat Mater di Pergolesi domenica alla Chiesa di Plaino

Dopo il grande successo ottenuto dall’Orchestra Giovanile Alpina e dal Coro del Friuli Venezia Giulia a febbraio, prosegue la ra

Zurich Ensemble al Bon 09 marzo e master class con Di Casola il 10 marzo

Prosegue, con grande successo di pubblico, la stagione musicale del Teatro della Fondazione Bon. Il prossimo appuntamento in carte

CARLO & GIORGIO al Bon di Colugna

Il penultimo appuntamento della stagione di prosa della Fondazione Bon, organizzata grazie all’Ert Fvg vedrà salire, sul palco

Claude Debussy al Bon di Colugna

Per celebrare il centenario dalla scomparsa di Claude Debussy, la stagione musicale della Fondazione Luigi Bon propone, lunedì 19

Al Teatro Bon il Quintetto d’archi dei Berliner Philharmonicher con Claudio Mansutti

Prosegue, all’insegna degli ospiti di assoluto livello internazionale, la stagione musicale della Fondazione Luigi Bon. Il penultimo appuntamento in cartellone vede la presenza del Philharmonic String Quintet Berlin, quintetto composto da musicisti provenienti dalla più famosa orchestra del mondo: I Berliner Philharmonicher. Questo importante evento si svolge solo grazie al sostegno e alla collaborazione di molti tra cui ricordiamo la Regione Fvg, il Ministero per i Beni Culturali, il Comune di Tavagnacco, la Fondazione Friuli, e numerosi sostenitori privati come la Banca di Cividale, Feruglio Engineering, Fondo Rosset, Nanino, Studio Legale Mansi e Studio Deriu.

Il Quintetto d’Archi sarà affiancato per l’occasione, da Claudio Mansutti al clarinetto, direttore artistico della Fondazione Luigi Bon, nell’esecuzione del Quintetto per clarinetto e archi K 581 di Mozart, celebre pagina in cui un’invenzione melodica tenera e non appariscente ben illustra la fase creativa matura del maestro salisburghese. Il quintetto d’archi dei Berliner è formato da Luiz Felipe Coelho e Romano Tommasini al violino, Wolfgang Talirz alla viola, David Riniker al violoncello e Janusz Widzyk al contrabbasso. Una formazione unica: invece di aggiungere al quartetto d’archi un’ulteriore viola o violoncello, l’ensemble è completato da un contrabbasso. In tal modo, il quintetto supera i confini della musica puramente da camera andando verso una formazione con una dimensione più sinfonica. Il repertorio dell’ensemble include, non solo lavori originali per quintetto, ma anche numerosi arrangiamenti per questa formazione. Il Quintetto d’Archi della Filarmonica di Berlino nasce da una collaborazione di lunga durata tra Wolfgang Talirz e Romano Tommasini nel 2007 e da quella data effettua tournèe in tutto il mondo.

Mansutti è reduce da un anno musicale ricco di soddisfazioni che lo hanno portato a tenere concerti negli Stati Uniti (Università di Jacsonville e Carnagie Hall di New York), Parigi, Londra, Milano e recentemente come solista a Istanbul alla presenza del Console Generale Italiano.

La restante parte del programma prevede, oltre al capolavoro mozartiano, altri brani di notevole interesse: il giovanile Divertimento K 137, sempre di Mozart, le esuberanti Danze popolari di Bartók, la sinfonia n. 10 di Mendelssohn, condensata in un unico movimento in forma di Sonata. A seguire, un gruppo di rare composizioni italiane tra cui “Il trillo del diavolo” di Tartini (originale per violino e pianoforte) in una trascrizione del compositore belga Henri Vieuxtemps, la Fantasia sulla “Sonnambula” di Bellini per contrabbasso e archi di Giovanni Bottesini, (soprannominato il “Paganini del contrabbasso”) e “La tempesta” di Rossini, sonata in cui il musicista pesarese, sperimenta un prototipo musicale che ricorrerà spesso nella sua musica e che diverrà caratteristico del suo stile specialmente in ambito operistico.