Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
info@pec.fondazionebon.com

Biglietteria 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 15 al 26 ottobre RINNOVO ABBONAMENTI

Dal 2 al 9 novembre SOTTOSCRIZIONE NUOVI ABBONAMENTI

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

Dal 7 novembre
PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI

MUSICA
Concerti del 16 novembre, 28 novembre, 12 gennaio, 19 marzo, 15 maggio Intero 18 € — Ridotto 15 € — Studenti 10 € — Under18 5 €

Concerti del 25 febbraio, 9 aprile Intero 20 € — Ridotto 17 € — Studenti 12 € — Under18 5 €

Concerti del 9 dicembre fuori abbonamento Intero 20 € — Ridotto 5 €

 

PROSA
Spettacoli del 20 novembre, 14 dicembre, 26 gennaio, 15 Feb, 11 marzo Intero 18 € — Ridotto 15 € — Studenti 10 € — Under18 5 €
Spettacolo del 10 gennaio Intero 20 € — Ridotto 17 € — Studenti 12 € — Under18 5 €

 

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri
Biglietto unico 5 €

 

GRIGORY SOKOLOV pianoforte
8 febbraio ’18
CONCERTO FUORI ABBONAMENTO
Intero 30€, Ridotto 25€, Studenti 15€, Under18 5€

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
Intero 110 € — Ridotto 90 €

Abbonamenti Prosa
Intero 90 € — Ridotto 75 €

Abbonamento musica + prosa 
Intero 180 € — Ridotto 150 €

Riduzioni
Ridotto Residenti nei Comuni di Tavagnacco e Pagnacco, soci e allievi della Fondazione, soci e correntisti della Banca di Cividale.
Studenti Studenti under 26 anni di ogni ordine e grado, accompagnatore under 18.
18app e Carta del Docente
È possibile usare i buoni di 18app e della Carta del docente per acquistare biglietti singoli e abbonamenti.
Per velocizzare le operazioni in caso di acquisti in biglietteria è importante arrivare con il buono spesa già pronto.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Le donne ci salveranno

sabato 12 febbraio 2011, ore 20:45 / Auditorium di Pagnacco

ANGELA FINOCCHIARO
MAI PIU’ SOLI

MAI PIU’ SOLI
di Stefano Benni
regia di Cristina Pezzoli
con Angela Finocchiaro e Daniele Trambusti

Narrare il tempo presente non è facile, farlo con la leggerezza sferzante dell’ironia ancor meno: questo accade nel nuovo spettacolo di Angela Finocchiaro, con la regia di Cristina Pezzoli.
Accompagnata dall’attore e musicista Daniele Trambusti, Angela racconta storie in cui i protagonisti si comportano come particelle impazzite, vittime della sproporzione tra una società dominata dai nuovi mezzi di comunicazione e la crescente solitudine dell’individuo.
Al centro dei racconti surreali, vecchietti stralunati, vacanze tragicomiche in famiglia, un viaggio all’”Inferno” in Eurostar, capodanni da dimenticare e tanto altro ancora.
Il tutto affrontato in chiave umoristica e amara, caratteristica propria della scrittura di Benni.
Lo spettacolo, con leggerezza e poetico candore, diverte e fa riflettere attraverso favole, invettive, brevi liriche, lucide cronache, in un contesto narrativo che cerca di ritrovare un senso al caos e alle incoerenze del nostro presente.

Angela Finocchiaro inizia il suo percorso teatrale negli anni settanta, con una significativa esperienza nella compagnia sperimentale Quelli di Grock. Partecipa a varie performance della compagnia nel 1980 Angela Finocchiaro allestisce, con Carlina Torta e Amato Pennasilico, lo spettacolo Panna Acida, nome che passerà poi ad indicare un nuovo gruppo teatrale e partecipa al film che le darà notorietà nazionale, il geniale Ratataplan di Maurizio Nichetti. A questa prima esperienza nel cinema farà seguito, dopo un anno, la partecipazione al successivo film di Nichetti, Ho fatto splash. Nel 1982-1983 partecipa come co-protagonista allo spettacolo Arsenico e vecchi merletti, continua intanto il sodalizio con Maurizio Nichetti, e partecipa ad una trasmissione per Canale 5, intitolata Quo vadiz e realizzata dallo stesso Nichetti con Gabriele Salvatores. Nella stagione 1985/86 Angela Finocchiaro debutta nel cabaret, poco dopo porta in scena il fortunatissimo spettacolo teatrale in forma di monologo “La stanza dei fiori di china”, che ottiene un grande successo tanto da essere ripreso a distanza di dieci anni. Nello stesso periodo, Angela Finocchiaro è tra le protagoniste della trasmissione RAI La TV delle ragazze, condotta da Serena Dandini, prende parte anche al cast di Zanzibar. Dagli anni ’90 in poi partecipa ad alcune fiction televisive, e a numerose pellicole cinematografiche, ma, nonostante l’intensa attività per il piccolo e grande schermo, Angela Finocchiaro non ha mai abbondato le scene. Nel ’92 recita con Silvio Orlando in “Sottobanco” di Domenico Starnone, regia di Daniele Luchetti. Successivamente porta in teatro vari testi di Stefano Benni; il vasto pubblico televisivo ha avuto modo di apprezzarla in più occasioni: da un lato, assieme alla pittoresca banda del programma comico Zelig (Canale 5), dall’altro, come protagonista di Mammamia!, serie su Rai 2 di brevi comiche mute (scritte, dirette e co-interpretate da Maurizio Nichetti). Nel settembre 2004 Angela Finocchiaro ha interpretato il monologo “Teatro anatomico” durante una puntata della trasmissione Report.
Grande successo ha ottenuto con l’interpretazione di Maria nell’ultimo film di Cristina Comencini, La bestia nel cuore, per il quale si è aggiudicata il Nastro d’Argento 2006, il David di Donatello 2006 e il Ciak d’oro 2006 come migliore attrice non protagonista; il Premio Wella Cinema Donna alla 62ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e il premio Queen of Comedy Award 2006. La stagione teatrale 2006/2007 la vede impegnata nell’opera di Walter Fontana “Miss Universo” che le vale un significativo apprezzamento della critica e del pubblico mentre sul grande schermo è tra gli interpreti delle ultime opere cinematografiche di Francesca Archibugi (Lezioni di volo) e di Daniele Luchetti (Mio fratello è figlio unico). Per quest’ultimo ha vinto un secondo David di Donatello sempre come miglior attrice non protagonista, condiviso ex-aequo con Ambra Angiolini per Saturno contro.