Segreteria

Fondazione Luigi Bon
Via Patrioti, 29
33010 Colugna di Tavagnacco (UD)
T 0432 543049 – F 0432 410706
info@fondazionebon.com
info@pec.fondazionebon.com

Biglietteria 2017/2018

RINNOVO ABBONAMENTI
Dal 15 al 26 ottobre RINNOVO ABBONAMENTI

Dal 2 al 9 novembre SOTTOSCRIZIONE NUOVI ABBONAMENTI

ORARIO BIGLIETTERIA

dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 18.30.

Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre 45 minuti prima dell’inizio.

 

Prezzi Spettacoli

Dal 7 novembre
PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI

MUSICA
Concerti del 16 novembre, 28 novembre, 12 gennaio, 19 marzo, 15 maggio Intero 18 € — Ridotto 15 € — Studenti 10 € — Under18 5 €

Concerti del 25 febbraio, 9 aprile Intero 20 € — Ridotto 17 € — Studenti 12 € — Under18 5 €

Concerti del 9 dicembre fuori abbonamento Intero 20 € — Ridotto 5 €

 

PROSA
Spettacoli del 20 novembre, 14 dicembre, 26 gennaio, 15 Feb, 11 marzo Intero 18 € — Ridotto 15 € — Studenti 10 € — Under18 5 €
Spettacolo del 10 gennaio Intero 20 € — Ridotto 17 € — Studenti 12 € — Under18 5 €

 

DOMENICHE AL BON
Invit a teatri
Biglietto unico 5 €

 

GRIGORY SOKOLOV pianoforte
8 febbraio ’18
CONCERTO FUORI ABBONAMENTO
Intero 30€, Ridotto 25€, Studenti 15€, Under18 5€

Abbonamenti

Abbonamenti Musica
Intero 110 € — Ridotto 90 €

Abbonamenti Prosa
Intero 90 € — Ridotto 75 €

Abbonamento musica + prosa 
Intero 180 € — Ridotto 150 €

Riduzioni
Ridotto Residenti nei Comuni di Tavagnacco e Pagnacco, soci e allievi della Fondazione, soci e correntisti della Banca di Cividale.
Studenti Studenti under 26 anni di ogni ordine e grado, accompagnatore under 18.
18app e Carta del Docente
È possibile usare i buoni di 18app e della Carta del docente per acquistare biglietti singoli e abbonamenti.
Per velocizzare le operazioni in caso di acquisti in biglietteria è importante arrivare con il buono spesa già pronto.

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Prosa

venerdì 22 febbraio 2013, ore 20:45 / Teatro Luigi Bon

ANTARTICA
LO STRAORDINARIO VIAGGIO DI SHACKLETON

con Silvia Elena Montagnini
regia di Bobo Nigrone
produzione Onda Teatro Associazione Cuturale
in collaborazione con
Cineteca Storica e Videoteca del Museo Nazionale della Montagna – CAI-Torino

“Cercasi uomini: per una spedizione azzardata. Paga bassa, freddo pungente, lunghi mesi nella più completa oscurità, pericolo costante, nessuna garanzia di ritorno. Onore e riconoscimenti in caso di successo”
The Times, 1913

Questa è una storia vera.
Un’avvincente narrazione che ci presenta uno spaccato degli anni delle grandi esplorazioni: gli inizi del ‘900, e un suo protagonista estremo quanto dimenticato dalla maggior parte del pubblico: Sir Ernest Henry Shackleton.
Nel 1914 il Regno Unito sponsorizza la Spedizione Imperiale Trans-antartica. L’obiettivo degli uomini della spedizione è quello di raggiungere il Polo Sud, attraversarlo con le slitte trainate dai cani per poi essere recuperati dalla nave Aurora nell’altro lato del continente.
La nave che parte si chiama “Endurance”, Resistenza, un nome profetico, ed è capitanata da Shackleton, esploratore di grande esperienza.
L’Endurance viene però bloccata dai ghiacci e distrutta dalla banchisa a migliaia di chilometri dalle più vicine terre abitate. Nel frattempo incombe e arriva il lungo inverno antartico: buio totale per mesi.
Grazie alla forza e al coraggio del capitano che riesce a tenere insieme gli uomini, a trovare stratagemmi per sopravvivere nel corpo e nello spirito a situazioni estreme, che sfida onde alte fino a trenta metri con una scialuppa lunga sette per chiedere soccorso, tutti gli uomini torneranno in Inghilterra sani e salvi un anno e mezzo dopo.
Le grandi avventure hanno da sempre ispirato l’essere umano, che, trovandosi di fronte a enormi difficoltà da superare deve riuscire a mantenere la mente calma, il coraggio fermo, il corpo vigile e resistente, e spesso, per riuscirvi supera i propri limiti e le proprie paure, per questo chi ci riesce è spesso chiamato “eroe”.
La narrazione scorre sul filo della tensione che accompagna la storia del capitano e dei marinai, il tutto coadiuvato da immagini video originali giunte fino a noi attraverso i ghiacci, riprese originali dell’impresa di questo eroico manipolo di uomini.